Frosinone: bilancio previsionale… tagli e ancora tagli

Appello ai consiglieri comunali di opposizione 

Invitiamo  tutti i consiglieri d’opposizione a partecipare   Il 15 luglio all’ iniziativa pubblica in piazza Cervini (ore 21)  in previsione del    consiglio comunale in cui  sarà discusso il preventivo 2020 .

La situazione è grave ma…..anche seria.

E’ Possibile che una gestione incostituzionale (sentenze 115/2020  e n. 4/2020  Corte Costituzionale)  e fallimentare (deliberazione 7/2020 Corte dei Conti), delle finanze del Comune  non abbia meritato una sola parola di condanna da parte dei consiglieri d’opposizione membri dei partiti Pd e M5S?  La comunità è dunque da sola nel  ribellarsi.   A meno che, fin  dalla prossima votazione del bilancio consuntivo 2020, l’opposizione tutta, e in particolare quella  con alle spalle i partiti  più consolidati  non si svegli.  Ma svegliarsi non significa proporre degli emendamenti di stampo elettoralistico, tipo il finanziamento di una bocciofila, la cui approvazione vincolerebbe alla votazione di tutto il previsionale. Svegliarsi significa, prendere coscienza della concreta possibilità di andare in dissesto, anche dopo l’ennesimo programma di tagli  che il Comune, attraverso il prossimo bilancio previsionale,   vuole proporre ai giudici contabili, già critici su questa modalità.  E  ragionare sull’opportunità  di far trascorrere ai cittadini altri tre anni di sacrifici del tutto inutilmente. A tal proposito “Rigenerare Frosinone” ha redatto una proposta di deliberazione atta a reperire le risorse per ripianare il debito attraverso la messa in discussione del modello di gestione imposto ai Comuni che si basa sul ricatto del debito e la conseguente devastazione sociale.  Togliendo, fra l’altro,  l’alibi  alla giunta  Ottaviani che ha usato  questa pur presente distorsione per giustificare la sua amministrazione propagandistica e socialmente devastante. La presenteremo alla cittadinanza nel corso dell’incontro.

Rigenerare Frosinone.

Proposta di ODG per Frosinone

Precedente Frosinone: un debito senza fine sulle spalle dei cittadini Successivo Cultura e limiti culturali